Scrivimi

Sono lieto se desideri lasciarmi un tuo messaggio:

Scrivi un nuovo messaggio

 
 
 
 
 
 
I campi con l'asterisco * sono obbligatori.
Il tuo indirizzo E-mail non verrà pubblicato.
corbières corbières pubblicato il 01/06/2017 alle 16:15:
tes peintures sont magnifiques et sont le reflet de ton âme
beppericci beppericci da [email protected] pubblicato il 08/05/2017 alle 14:20:
Complimenti all'artista per come sa comunicare con grande sensibilita' in tutte le sue opere. Un bravo anche a coloro i quali hanno lavorato per la realizzazione di questo capolavoro!
beppericci beppericci pubblicato il 08/05/2017 alle 14:16:
Data: 20/08/2008, 13:53:11, GMT +2 Nome: Maria Alba Email: [email protected] Numero: 1 Complimenti all'artista per come sa comunicare con grande sensibilita' in tutte le sue opere. Un bravo anche a coloro i quali hanno lavorato per la realizzazione di questo capolavoro!
paola paola da grognardo pubblicato il 06/05/2017 alle 16:34:
e' vero sei molto bravo a dipingere ma ha ragione la signora Brunella devi fumare meno e meno caffe' ne va della tua salute un abbraccio
Brunella Brunella da Ovada pubblicato il 14/04/2017 alle 10:45:
Buongiorno, Sono o la signora seduta sulla panchina in stazione adi Acqui. Come vede sono andata subito a curiosare e le faccio i complimenti per i suoi quadri. LE auguro una buona giornata e veda di fumare di meno.
Paolo Paolo pubblicato il 30/07/2016 alle 19:54:
Complimenti per le tue meravigliose opere

 


i messaggi del precendente sito web sono raggiungibili cliccando il bottone qui sotto:

 

 

 

One thought on “Scrivimi

  1. http://www.ecodisavona.it/il-maestro-beppe-ricci-allinaugurazione-mostra-di-demj-canepa-e-caterina-galleano-ad-albisola-superiore-dopo-lincontro-a-bubbio/

    IL MAESTRO BEPPE RICCI ALL’INAUGURAZIONE DELLA MOSTRA DI DEMJ CANEPA E CATERINA GALLEANO AD ALBISOLA SUPERIORE, DOPO L’INCONTRO A BUBBIO.
    di Redazione

    Lunedì 8 agosto 2016 alle ore 19.00, presso la Sala “Don Natale Leone” di Albisola Superiore sulla Passeggiata Eugenio Montale, si terrà l’inaugurazione con ospiti di rilievo.

    image004La locandina della mostra di Demj Canepa e Caterina Galleano ad Albisola Capo

    L’iniziativa delle artiste Demj Canepa e Caterina Galleano sarà coinvolta nell’ambito degli scambi di visite e di presenze qualificate a mostre in svolgimento in Riviera e nell’Acquese. E’ questo il primo esito positivo dell’incontro tra intellettuali di Savonese, Langhe, Monferrato tenutosi recentemente a Bubbio, richiamando l’attenzione degli organi di informazione su carta e online.

    image007La notizia sull’edizione de “L’Ancora” del 28 luglio 2016

    All’ordine del giorno sono state ipotesi di futuri programmi e collaborazioni giornalistiche, in sinergia tra le varie esperienze e le comunità. Tutto verte sull’esigenza di coniugare due valori spesso antitetici: quello della modernità e quello della tradizione. La volontà di rimanere all’avanguardia attraverso l’interpretazione di una realtà che corrisponda a nuovi bisogni, in un mondo sempre più spesso caratterizzato da processi di perdita delle libertà a causa dell’omologazione culturale. L’individuo nella società moderna è dunque spersonalizzato, sentendo così il bisogno riappropriarsi delle proprie radici. Con la mediazione fra tradizione e innovazione, si viene a creare una nuova cultura che comprende sia la memoria sia il mutamento. Questi i propositi da cui è nata “Dal Mare alle Langhe al Monferrato”, con eventi, spesso collegati a periodi dell’anno, che favoriscono l’incontro collettivo per affermare i valori dello spirito, la natura e il territorio. E’ una serie di manifestazioni promosse dalla Federazione Italiana Volontari della Libertà, (FIVL) con il patrocinio di Enti e Amministrazioni competenti per territorio, e il supporto di altre Associazioni, al fine di far conoscere alle comunità piemontesi della Langa e del Monferrato, la cultura e le arti dell’area savonese e albisolese. I due territori limitrofi sono contrassegnati da storici legami. Le passate edizioni dell’iniziativa si sono svolte, con ampia partecipazione di artisti e successo di pubblico, nelle annate 2013, 2014 e 2015.

    Elisa Gallo, presidente della locale sezione della Federazione Italiana Volontari della Libertà (FIVL) è stata la propiziatrice dell’appuntamento, che ha visto protagonisti Beppe Ricci e Giorgio Siri, alla presenza del Sindaco, Stefano Reggio, del Consigliere con delega al Turismo, Paola Arpione, di Antonio Rossello, rappresentante comprensoriale della FIVL, e Luisa Cevasco, Vicepresidente della FIVL delle Albissole, (foto seguente).

    image009 Da sx: Reggio, Cevasco, Ricci, Gallo, Siri e Rossello

    Tra i primi impegni convenuti, la mostra personale di Caterina Galleano e Demj Canepa, organizzata con il patrocinio della Federazione Italiana Volontari della Libertà – Sezione “Albissole”, FIVL, nell’ambito della Rassegna “Dal Mare alle Langhe fino al Monferrato, che inaugura lunedì 8 agosto alle ore 19.00, presso la Sala “Don Natale Leone” di Albisola Superiore sulla Passeggiata Eugenio Montale, ed è visitabile fino a domenica 14 agosto, con orario di apertura serale dalle 19 alle 23. La cittadinanza è invitata a partecipare.

    Nella cerimonia di apertura, presieduta dall’ing. Antonio Rossello, l’artista Demj Canepa riceverà il fazzoletto azzurro della FIVL entrando a far parte del Sodalizio, con cui Caterina Galleano da tempo collabora in qualità di speaker durante le manifestazioni ufficiali.

    Incastonati in scaletta, sono quindi previste partecipazioni degne di rilievo. Ecco l’elenco completo e tutti i dettagli sulla manifestazione che può rappresentare una forma di coinvolgimento della popolazione e anche un’attrazione turistica.

    Tra gli ospiti d’eccezione, un artista di chiara fama non solo nazionale, il Maestro dott. Beppe Ricci. Nato a Orsara Bormida (AL), il 27 luglio del ’46, dove vive e lavora. Laureato in Economia e Commercio all’Università di Genova. Revisore contabile. Già Sindaco di Orsara Bormida, oltre a ricoprire altri importanti incarichi amministrativi. Giovanissimo allievo di Gigi Morbelli, ha poi seguito i corsi di pittura con i maestri R. Sirotti e G. Zanoletti, presso l’Accademia Ligustica di Belle Arti di Genova diretta da Gianfranco Bruno. Paesaggista, figurativo, ritrattista profondamente sensibile, ha dedicato gran parte della sua attività artistica alla contemplazione del paesaggio della sua terra che ama fortemente. In quarant’anni di attività ha allestito mostre personali e preso parte su invito a numerose collettive in Italia e all’estero, riscuotendo successo di pubblico e critica e ricevendo premi e riconoscimenti di prestigio. I suoi disegni, le sue tele e le sue litografie figurano in varie collezioni italiane e estere. Già insegnante di pittura presso l’Accademia d’arte dell’Università delle Tre Età di Alessandria, presso l’ENAIP di Acqui Terme, al centro estivo di Predosa e di Montaldo Bormida e alle classi quinte della scuola elementare di Cassine. Ha partecipato all’iniziativa “Agorà – la città che vorrei” tenutasi al parco di villa Gabrieli ad Ovada con le classi quinte della scuola elementare Giovanni Paolo II di via Dania. Autore inoltre di alcune scenografie teatrali. E’ socio dell’Accademia Internazionale Bruckhardt di ST. Gallen e del circolo culturale M. Ferrari di Acqui. La sua attività, ritenuta artisticamente valida, è stata omologata sull’annuario d’arte moderna “L’elite new – selezione Internazionale d’Arte”. E’ spesso chiamato a far parte, anche in veste di presidente, di commissioni giudicatrici di premi e concorsi artistici, ha ottenuto il prestigioso riconoscimento di Accademico Esperto, nella Classe di Discipline Artistiche, dell’Accademia Archeologica Italiana. Vegetariano convinto da anni, in una scelta di vita che aiuta il corpo e la mente, è coinvolto in battaglie animaliste di rilievo. Tra le occasioni più recenti della sua lunga e prestigiosa carriera nel campo delle Arti Visive, la partecipazione con grande successo alla manifestazione conclusiva dell’Oscar degli Emirati Arabi 2015, tenutasi a Roma presso il Centro Congressi Hotel Hermitage in Zona Parioli. Il Maestro Ricci è stato inoltre apprezzato per la declamazione dell’opera di Ugo Foscolo “A Zacinto”, in occasione della presentazione della manifestazione Gran Premio Internazionale “Zakynthos 2015” organizzata dall’Accademia Internazionale dei Dioscuri nell’Isola di Zante. Gli sono state assegnate le targhe e le pergamene dell’Oscar degli Emirati Arabi 2015 e dell’International Prix “The Pantokrator 2015”, una cartella litografica contenente le litografie timbrate con il timbro arabo della Città di Abu Dhabi (per quanto concerne l’Oscar degli Emirati Arabi 2015) e una cartella litografica contenente una litografia timbrata con il timbro greco della Città di Corfù (per quanto concerne l’International Prix “The Pantokrator 2015). Il prossimo impegno del maestro sarà un’esposizione antologica delle sue opere, dal 6 al 16 agosto, presso Casa Felicita, a Cavatore, con inaugurazione il 6 agosto, alle ore 17.30, alla quale l’Ing. Antonio Rossello interverrà, tra gli invitati a parlare, in rappresentanza della FIVL.

    image005

    Il Dott. Beppe Ricci con Carlo Verdone.

    image010

    Locandina della prossima mostra di Beppe Ricci a Cavatore.

    image011

    Fronte del pieghevole della prossima mostra di Beppe Ricci a Cavatore.

    image013

    Retro del pieghevole della prossima mostra di Beppe Ricci a Cavatore.

    E’ atteso l’intervento critico da parte di Giorgio Siri, nativo di Celle Ligure, da sempre impegnato in ambito socio-culturale, estimatore della storia della musica e dell’arte, noto per i suoi interventi giornalistici (cronaca e critica) nell’ambito di varie testate, su carta e online, fa parte della Compagnia teatrale Sipario Cellese ed è accreditato, quale recensore, presso il “Circolo degli Artisti” di Albissola, il quale sin costituzione, negli anni ‘50, declina la cifra della colonia di grandi artisti, a livello europeo, che avevano scelto Albisola come tappa o addirittura meta.

    image015

    Giorgio Siri

    La scrittrice e cantautrice Grazia Arnese Grimaldi sarà presente per illustrare una sua opera e per cantare una sua canzone in tema patriottico. Nel volume intitolato “I Tredicimila ragazzi Italo-Libici dimenticati dalla Storia” (Marco Sabatelli Editore, Savona), l’autrice racconta una storia vissuta in prima persona e che risulta una delle pagine più tragiche e sconosciute della storia italiana. Il 6 giugno 1940, Grazia Arnese Grimaldi, insieme ad altri 13.000 bambini libici, venne tolta ai genitori e obbligata a “vacanze” in colonie fasciste. Cominciò una triste odissea di vagabondaggio per l’Italia. Con altri bimbi subì il trauma della guerra e soffrì soprattutto la lontananza della famiglia che era rimasta in Africa, senza più notizie. Una cronaca degli avvenimenti visti con gli occhi di una bimba costretta a diventare grande troppo presto e una lucida presa di coscienza dell’orrore della dittatura fascista. L’opera, disponibile anche con un DVD contenente un documentario prodotto dall’Istituto Luce con filmati e foto indedite, è stata presentata in varie sedi istituzionali, con grande consenso da parte di pubblico e di critica, presso le scuole ed è stata oggetto di interesse da parte dei canali RAI e di altre emittenti private, in diverse trasmissioni, tra cui solo per citare le più recenti: la puntata di TGtg – telegiornali a confronto del 18 marzo 2016, condotta da Cesare Cavoni, e, nello scorso mese di maggio, la rubrica Art&Video su Telegenova, con il giornalista Enrico Cirone.

    image017

    Grazia Arnese Grimaldi

    E’ inoltre in programma il contributo di stampo artistico da parte del Dott. Federico Marzinot, giornalista pubblicista e scrittore; curatore dal 1982 al 1989 dell’Archivio storico dell’Italsider e direttore di riviste dell’azienda; dal 1989 al 1992 ha affiancato il Sen. Alberto Bemporad, il commissario generale del governo italiano per l’Expò 92, a Genova; socio e ricercatore dell’ Istituto storico della Resistenza e dell’età contemporanea di Savona; esperto d’arte; autore di mostre, libri e testi monografici sulla storia della ceramica, della Liguria, della Resistenza; curatore di varie edizioni della rassegna.

    Si conta ulteriormente sulla visita dal Piemonte da parte di Elisa Gallo, Presidente della Federazione Italiana Volontari della Libertà (FIVL) denominata “Alto Monferrato e Langhe”. La Gallo, attualmente vive a Bubbio (AT), dove è titolare dell’Internet Cafè “Divinbacco.it”, di Bubbio, nella rinnovata sede trova spazio un angolo memoriale dedicato alla Resistenza e alle Formazioni Autonome. Appassionata di arte e cultura, attenta ai temi civili e sociali, da anni è fra gli animatori più solerti delle diverse iniziative a favore della collettività che si tengono presso la Biblioteca comunale “Gen. Novello”, di cui è Vicepresidente, e lo spazio dell’Ex Oratorio dei Battuti, a Bubbio. Animata da interessi verso il periodo della Resistenza, nel 2013 ha ricevuto dal Gr. Croce Lelio Speranza, Vicepresidente nazionale della FIVL, l’incarico di fondare e presiedere la Sezione FIVL di Bubbio. Nel 2015, la Sezione FIVL di Bubbio, dando seguito alle autorizzazioni pervenute dai livelli associativi sovraordinati, ha variato la propria intitolazione in “Alto Monferrato e Langa”. La FIVL si è affermata nel comprensorio organizzando, in collaborazione con le Amministrazioni ed altre Associazioni, sin dal 2013 le varie edizioni della rassegna “Dal Mare alle Langhe…fino al Monferrato”, un progetto multiculturale, volto a favorire gli scambi fra i territori della Liguria e del Piemonte in tutte le espressioni umane dell’intelletto e dell’ingegno. Per il suo meritorio operato, nel 2015 Elisa Gallo è stata insignita del Diploma di Benemerenza della Presidenza Nazionale FIVL.

    image019

    Elisa Gallo e Federico Marzinot

    Tutti gli interventi avranno come tema portante la descrizione e l’analisi dei valori espressivi delle opere di due valenti artiste del panorama locale, Demj Canepa e Caterina Galleano, nella vita madre e figlia, le quali, mediante tecniche differenti e occhio attento alle sperimentazioni, utilizzano la pittura, con grande effetto, come mezzo creativo e veicolo per esplorare la propria interiorità. I dipinti esposti permettono di valutare la maturazione artistica delle autrici nel tempo Inoltre, consentono di accertarne l’abilità tecnica, la padronanza della tavolozza e l’equilibrio nelle composizioni, e quindi di constatare l’ottima fattura, curata in ogni dettaglio, volta a conferire alle realizzazioni il carattere di accessibilità e riconoscibilità (forse vero scopo dell’arte?) caro alle due artiste.

    L’evento, che segna l’estate albisolese in uno dei luoghi più suggestivi e culturalmente significativi della città, ha richiamato l’attenzione del Prefetto della Provincia di Savona, Dott. Giorgio Manari, che ha fatto pervenire il proprio messaggio di saluto.

    image021

    Demy Canepa

    Demy Canepa, varazzese di nascita, ha dimostrato negli anni attitudine per varie forme d’arte con forte creatività e piacere di sperimentare nuove idee. Ama la vivacità dei colori, trovando la sua dimensione nell’astratto in cui riesce a dare spazio all’immaginario ed alla manualità. Realizza quadri informali gestuali e materici come pure creazioni floreali, che le permettono una connessione più profonda con i suoi sentimenti, e la sensazione di catturare in un istante qualcosa che resterà plasmato per sempre mediante un colore, una forma, una macchia.. Intende la pittura quale “medicina” ideale per il corpo e soprattutto per l’anima, una sfida in cui trova il coraggio di scoprire quello che c’è dentro di sé, per poi offrirlo agli altri con amore.

    image035

    Caterina Galleano

    Caterina Galleano, nasce a Savona, attualmente abita a Varazze, dove opera. Sin da bambina è coinvolta in svariate interpretazioni e sfaccettature del mondo artistico, si dedica dapprima alla danza, moderna e latino americana, traendo notevoli soddisfazioni, quindi sposta la sua creatività nella pittura, con la vocazione del colore e delle forme, trasponendo sulla tela con i pennelli la visione del suo mondo. Con tratto sensibile e gentile, carpisce senza svellere elementi tipici della pittura di genere: attimi, volti umani, natura, animali, fiori. si Nel suo percorso formativo, la frequentazione di vari corsi di pittura e l’atelier del maestro genovese, Carlo Calvi, cimentandosi con diverse formule espressive sino al raggiungimento degli esiti attuali che sono caratterizzati da un raffinato e suadente realismo.